Salta al contenuto

Tag: Lavoro

considerazioni sul lavoro in epoca capitalista, conflitto capitale lavoro

Educazione finanziaria nella scuola. Non basta dire di no.

Educazione FinanziariaNella riforma educativa spagnola, riporta un articolo del Fatto Quotidiano, è stata proposta l’abolizione dell’insegnamento della Filosofia con l’introduzione dell’ Educazione Finanziaria. Lo sappiamo: la solitaria lotta per una scuola gratuita e accessibile a tutti i fanciulli non è mai stata sufficiente.

 

Educazione Finanziaria? Già nel 1848 Marx ed Engels scrivevano sulle pagine del Manifesto del Partito Comunista che uno degli obbiettivi necessari da raggiungere per un miglioramento delle condizioni di vita della popolazione, almeno nei paesi avanzati, era l’educazione “pubblica e gratuita di tutti i fanciulli. Abolizione del lavoro dei fanciulli nelle fabbriche nella sua forma attuale. Unificazione dell’educazione e della produzione materiale ecc.” Questo ultimo punto, il decimo, seguiva però nel programma il primo di tutti: “Espropriazione della proprietà fondiaria e impiego della rendita fondiaria per le spese dello Stato”.

Tango Tehran, e il nuovo mondo

Tango Tehran è la prima storia d’amore tra un poliziotto di New York e una ragazza iraniana sullo sfondo della cultura del tango ambientato a New York e a Tehran.

 

Tango Tehran Ermanno Felli

Tango Tehran è il mio primo romanzo. Devo ringraziare per prima cosa Thomas Schmidt, un caro amico tedesco. Fu lui, involontariamente, a suggerirmi l’idea chiedendomi se ero disponibile a lavorare ad un documentario che raccontasse l’assurdità della censura sul tango a Tehran. L’idea mi piacque. Il tango, dopo circa un secolo, era  ritornato ad essere clandestino. In quel tempo, era il 2012, vivevo a Berlino ed ero alla ricerca di soggetti. Lasciai passare qualche giorno ma, senza che lo volessi, mi venne in mente un finale che sentivo funzionare e che non si prestava ad essere per un documentario. Era una immagine forte che non mi dava tregua. Vedevo e rivedevo quel finale e sentivo in esso tutta la potenzialità. Era un classico finale di una felice storia d’amore. Lo stesso che è presente ora nel libro.

Per una immagine del lavoro e della disperazione nell’opera omnia di Edgar Reitz – Heimat

Heimat di Edgar ReitzTrattare questioni di natura scientifica, quand’anche legate alla dinamica del lavoro e alle sue problematiche connesse, può comportare alcune volte, e accade troppe volte, la perdita di vista dell’insieme. E, sopratutto, la perdita del senso che le tiene unite.

L’insieme si presenta sempre e solo come una immagine, più o meno chiara che, posta all’orizzonte ci permette di orientare il nostro ragionare sui dettagli, ordinandoli, dandogli appunto quel senso con cui li abbiamo conosciuti. Non si tratta solo di numeri statistici, come la riflessione sulla scienza ci ha già insegnato, bensì anche delle stesse teorie vere e proprie, che a loro volta e sopratutto queste, necessitano proprio di un chiaro orizzonte su cui spiegarsi.