Salta al contenuto

Tag: Recensione Heimat

considerazioni sull’opera di Edgar Reitz Hemait 1, Hemait 2, Heimat 3

Birdman o il volo mancato. E la critica cosa dice?

Birdman. Film vincitore agli oscar 2015, gode di ottima critica sui siti italiani, buoni incassi, ma qualcosa non convince.

 

 

birdman, film, movie, recession

E’ la storia di una celebrità di Hollywood (Michael Keaton) che, ad un certo punto della sua vita, dopo numerosi successi planetari, botteghini da film Blockbuster, decide di voler realizzare il grande sogno dimenticato: dimostrare a se stesso di essere un semplice bravo attore. Una pièce teatrale a Broadway, realizzata con le sue ultime risorse finanziarie, sarà la possibilità di riscattarsi davanti agli occhi di tutti, ma soprattutto davanti ai propri.

Chi è Birdman? Birdman è il personaggio che lo ha portato al successo, eroe hollywoodiano, lanciato alto nei cieli per mantenere basso l’orizzonte culturale del pubblico americano e del mondo. Birdman è la maschera di cui liberarsi per ridisegnare i propri connotati, quelli più modesti, di vero uomo in carne e ossa; ma anche quelli di bravo padre per una figlia divenuta consumatrice di droghe a causa di mancanze e incuria; di adorabile marito per una moglie che ha donato invano amore ricevendo in cambio insulti e tradimenti; e non per ultimo, i connotati umani di vero attore capace di dominare il palcoscenico, da sempre il vero banco di prova.

Per una immagine del lavoro e della disperazione nell’opera omnia di Edgar Reitz – Heimat

Heimat di Edgar ReitzTrattare questioni di natura scientifica, quand’anche legate alla dinamica del lavoro e alle sue problematiche connesse, può comportare alcune volte, e accade troppe volte, la perdita di vista dell’insieme. E, sopratutto, la perdita del senso che le tiene unite.

L’insieme si presenta sempre e solo come una immagine, più o meno chiara che, posta all’orizzonte ci permette di orientare il nostro ragionare sui dettagli, ordinandoli, dandogli appunto quel senso con cui li abbiamo conosciuti. Non si tratta solo di numeri statistici, come la riflessione sulla scienza ci ha già insegnato, bensì anche delle stesse teorie vere e proprie, che a loro volta e sopratutto queste, necessitano proprio di un chiaro orizzonte su cui spiegarsi.